Questo è un esempio reale di traduzione di una piccola applicazione Windows chiamata Multilizer Translator Gadget, che è un Gadget di Windows Sidebar. Anche se ogni progetto di localizzazione software è unico, esiste un percorso universale seguito dalla maggior parte dei casi di localizzazione. Andiamo attraverso questo percorso con questo caso.

Fase di pre-localizzazione

Prima di qualsiasi progetto di localizzazione può essere avviato, è necessario definire gli obiettivi del progetto. Localizzazione non è un termine semplice e per evitare eventuali malintesi è importante chiarire che cosa significa in questo caso specifico. Nel nostro caso, la localizzazione è stata ridotta alla traduzione dell'interfaccia utente in più lingue.

#1 Impostare gli obiettivi per il progetto.

Dopo uno sa qual è il risultato desiderato del progetto, si raccomanda di dare un'occhiata al software. Ci sono molte cose che gli sviluppatori di software possono fare per facilitare il processo di localizzazione effettiva. (A causa dell'aspetto tecnico di questa tappa, i seguenti paragrafi contengono qualche gergo tecnico. Se è troppo complicato, basta saltare direttamente al “Fase di localizzazione” o chiedere qualche aiuto un nerd.)

Nel nostro caso, abbiamo scoperto che i gadget in genere sono costituiti da HTML, CSS, e JavaScript. E i testi da tradurre possono essere nei file HTML, o talvolta anche in JavaScript. Questo applicato anche al gadget che abbiamo sviluppato.

Le fonti sono state organizzate in modo tipico nelle seguenti cartelle:

radice
   +css
   +immagini
   +js

La radice contiene il codice HTML e il manifesto di gadget. CSS contiene i fogli di stile. Le immagini contengono le immagini utilizzate dal gadget. E js contiene JavaScript che aggiunge la funzionalità desiderata nel gadget.

#2 Controllare l'architettura software.

Il gadget utilizza l'architettura Microsoft MUI; possono esserci cartelle denominate dalle impostazioni internazionali ISO, come 'es-ES'. Su un sistema spagnolo, la barra laterale cercherà prima i file sotto 'es-ES’ directory. Se non trovato, poi ' neutro’ vuoi caricare file. Basato su questa architettura, la traduzione coinvolgerebbe tutti i file verrebbero copiati in una nuova directory denominata dalla locale ISO. Dopo di che, i file con testi in inglese verrebbero tradotti in un'altra lingua. Questo approccio, Tuttavia, non è così elegante. Un sacco di file sono stati raddoppiati come tale.

Per ovviare a questo, abbiamo deciso di internazionalizzare il codice. Ciò significa che abbiamo rimosso tutti i testi in inglese e li abbiamo inseriti in un file di risorse comune chiamato "resourcestrings.js". E l'interfaccia utente è ora popolata all'avviamento chiamando un getResourceString() funzione.
Con questo approccio, la traduzione del gadget si riduce semplicemente alla traduzione di "resourcestrings.js".

Abbiamo anche aggiunto due funzioni extra per fare la parte di programmazione ancora più conveniente:

  • setElementText(elementid,resourcekey)
  • setAttributeText(elementid,attributename,resourcekey)

#3 Internazionalizzare il codice (Se possibile)

Queste relativamente piccoli cambiamenti nel codice di facilitare e semplificare notevolmente la fase successiva del progetto di localizzazione.

Fase di localizzazione

Quando è fatto tutto il lavoro preparatorio, la localizzazione effettiva può cominciare. Uno può fare la fase di localizzazione semi-automaticamente o manualmente con uno strumento speciale di localizzazione. Lavoro manuale richiede conoscenza molto più tecnico di sviluppo software di lavorare con uno strumento di localizzazione. Le differenze più significative tra questi due metodi sono tempo e sicurezza. Uno strumento di localizzazione accelera il processo di automazione di certe attività e protegge il software eliminando la possibilità di apportare modifiche fatale al codice durante il processo di localizzazione.

Abbiamo fatto il nostro progetto con la nostra, strumento di localizzazione avanzato chiamato Multilizer Enterprise. È uno strumento versatile per i piccoli e grandi progetti. Abbiamo innanzitutto creato un nuovo progetto Multilizer e scansionato il nostro software con lo strumento. Il nostro strumento di localizzazione riconosce quale parte del codice deve essere tradotta e mostra solo queste stringhe. Dopo di che, abbiamo esportato il materiale traducibile automaticamente in Google Translator Toolkit con MOTO.

#4 Preparare il progetto per la traduzione.

A questo punto del progetto, è tempo di tradurre. A seconda gli obiettivi del progetto di localizzazione, uno dovrebbe decidere come è fatta la traduzione. È probabile che il miglior risultato venga realizzato da un traduttore professionista specializzato nell'argomento e nella localizzazione del software. Tuttavia, ci sono anche situazioni in cui ad es. Traduzione di crowdsourcing è la soluzione migliore. Nuovamente gli obiettivi e gli obiettivi del progetto dovrebbero essere presi in considerazione. Nel nostro progetto, abbiamo utilizzato una piattaforma di lavoro online chiamata Elance per trovare traduttori.

I traduttori hanno lavorato sul nostro progetto con Google Translator Toolkit. Questo tipo di outsourcing online è semplice per i traduttori perché possono lavorare online dove e quando vogliono senza bisogno di scaricare o installare programmi sui propri computer. Per garantire la qualità, ci dovrebbe essere un canale di buona comunicazione tra i partecipanti.

#5 Reclutare Traduttore(e) e comunicare con loro.

Quando le traduzioni sono finite, possono essere integrati nel codice. Nel nostro progetto, ciò è stato effettuato importando automaticamente le traduzioni da Google Translator Toolkit a Multilizer Enterprise.

#6 Integra le traduzioni nel tuo progetto.

Quando tutto questo è stato fatto, è possibile completare il progetto e costruire il software localizzato. In questa fase, c'è la tentazione di contrassegnare il progetto come finito e passare a quello successivo. Tuttavia, c'è ancora una cosa importante da fare.

Fase post-localizzazione

Dopo che il software è localizzato, uno dovrebbe testarlo correttamente. È una buona idea lasciare che il traduttore(e) vedere l'esito pure. Tutte le eventuali inesattezze o refusi sono relativamente facili da risolvere adesso prima di qualsiasi ulteriore commercializzazione azioni.

Questo è come il nostro progetto di localizzazione ha proceduto. Vuoi fare qualcosa in modo diverso?

Link: